fbpx

Taralli napoletani sugna e pepe. Versione con strutto…perchè lo strutto non è sugna ;D

Oggi mi è presa un pò di nostalgia per la mia città…Napoli. Cosi ho deciso di metter su qualche canzone doc napoletana , ballare un pochino insieme al mio adorato amico “baffo” (il mio cagnolone) ed ho preparato taralli e babà (o babbbà con 3 b come diciamo a Napoli, ricetta che trovate nel blog qui) Vi riporto la ricetta dei taralli che ho fatto oggi seguendo la ricetta tradizionale, con qualche piccola variazione.

IMG_8335

Cosa sono i taralli napoletani? I taralli napoletani nascono come recupero dei ritagli dell’impasto del pane. I fornai non ci pensavano nemmeno a buttarli via e , per rivenderli, aggiungevano ‘nzogna (sugna) e pepe. Solo successivamente si è aggiunta la mandorla che si sposa con il pepe. Il tarallo nasce come cibo da strada, veloce da mangiare , saporitissimo e bello sostanzioso. Per tale motivo era il cibo preferito dal popolo. “tarall…tarall càver (taralli…taralli caldi!) dicevano i venditori per strada. Molti usavano inzuppare i taralli nell’acqua del mare…cosa non proprio consigliabile oggi . I taralli venivano venduti caldi, proprio per diffonderne nell’aria il favoloso aroma (ecco perchè i venditori li coprivano con coperte calde…non peri igiene  che a quei tempi non era proprio “prioritario”)Attualmente i taralli fanno parte della cultura partenopea come ne fa parte la pizza napoletana. Io ricordo le tante passeggiate fatte a Mergellina con gli amici durante le quali mangiavamo taralli e “spegnevamo” il pizzicore del pepe con una bella birra fredda.
Ancora oggi se passeggiate per i vicoletti troverete contenitori riscaldati pieeeeeni di taralli, buonissimi da mangiare. (superato Salvatore Di Matteo , scendete verso via San Gregorio armeno e troverete una fantastica panetteria con un contenitore chiuso pieeeeeno di taralli…compratene un paio e godete!

Una nota sulla sugna. Sugna non è strutto. Nzogna = sugna in italiano…ma non è = strutto.

Vi riporto un articolo di wikipedia (ma ho controllato su alcuni libri di settore con google libri e chiesto a parenti giù a Napoli ed è esatto…non ci si può sempre fidare di wikipedia)
“Lo strutto si ricava da tutte le parti grasse del maiale. Il tessuto adiposo suino è a grandi linee di due tipi. C’è il grasso dorsale e generalmente tutto il grasso sottocutaneo (dunque con cotenna) che presenta una buona percentuale di tessuto fibroso. Questa parte dorsale del suino può essere sottoposta a salagione e stagionatura e diventerà poi lardo; ed analoghe caratteristiche di stagionabilità dopo la salagione sono presenti anche nella pancetta e nel guanciale.
C’è poi un tessuto adiposo surrenale, interno quindi, che non presenta cotenna, poverissimo di tessuto fibroso e con pochissima consistenza, chiamato più propriamente sugna (assunza in sardo, ‘nzogna in napoletano, saìmi in siciliano e calabrese, sunza in ferrarese e in alcuni dialetti lombardi, toscani e calabresi, sonza nel dialetto trentino e triestino, assogna e simili nei dialetti abruzzesi).”

La sugna ha un gusto più delicato e dolce…adatto ai taralli ed al casatiello.

Veniamo a noi.
I taralli hanno tre caratteristiche imprescindibili :

1)Hanno tanto pepe, che a crudo vi sembrerà tanto ma da cotti sarà una commistione goduriosa con la sugna e le mandorle…
2)SONO RUVIDI!!!! NON SONO LISCI !!!!! ecco il perchè della procedura della sabbiatura
3)Si sbriciolano quando mangiati…sono friabilissimi

Ricetta

120 gr di biga (80 farina + 40 gr acqua + 0,7 gr ldbf impastata 12-14 ore prima e lasciata a max 19°C) seguirà un articolo sugli esperimenti con biga
120 gr di sugna (in mancanza…strutto)
280 gr di farina debole ,non abbiamo bisogno di incordare …anzi!!
100 gr di mandorle tritate a coltello o grossolanamente
100-120 gr di acqua (regolatevi per ottenere una massa compatta ma non incordata)
6 gr di sale
5 grammi di pepe in polvere o macinato grosso. SEBRANO TANTI MA E’ GIUSTO COSì. Ho letto una marea di ricette e più o meno sono tutti cosi.
(Edit: se non amate tanto il pepe potete ridurre a 3 gr. Il tarallo vero vi lascerà un sapore pepato in bocca che dovrà essere stemperato da un buon rosso o da una fredda birra )
Il colore dei taralli (scuro) è dato sia dalla giusta cottura ma anche dal pepe!
Mandorle intere per decorare

NB LE MANDORLE NON VANNO TOSTATE!Si tosteranno in forno.

Procedimento

1)Prendiamo lo strutto e lo inseriamo nella farina. Con le mani sabbiamo (come per una frolla sablè) farina e strutto fino ad ottenere proprio la consistenza della sabbia grumosa come nella foto

IMG_8287

IMG_8288

2)A questo punto inseriamo la biga tagliata a pezzetti e i primi 50 gr di acqua. Mescolate fino ad accorpare leggermente il tutto.

BIGA
IMG_8289

3)Inserite le mandorle , il pepe ed il sale.

4)Inserite la restante parte di acqua poco a poco fino ad ottenere un impasto compatto ma non incordato. In pratica non vi deve cadere a pezzi ma non deve essere elastico.
Mi raccomando a non lavorare troppo l’impasto.

IMG_8293

NOTATE LA FESSURA? L’impasto va bene cosi…non è troppo incordato.
IMG_8296

Mettete ora a riposare l’impasto a ta per 1 oretta. Non preoccupatevi di raddoppio o cose simili. Nel tarallo non è richiesta alveolatura ma friabilità. La biga l’abbiamo fatta per donare sapore all’impasto e per cercare di ricalcare più o meno la tradizione (avremmo dovuto usare pasta di riporto ma la biga è ciò che è utilizzata nei panifici che seguono la tradizione)

Ecco la mia massa dopo un’ora. Niente raddoppio (come si legge in alcuni siti).
IMG_8303

Infarinate bene il banco. Riponete la massa e schiacciatela fino ad ottenere lo spessore di 1cm (se li volete corposi) 0,5 cm (se li volete più sottili).
ricavatene delle strisce di circa 20cm per 1 cm di altezza. Allungateli per ottenere un bastoncino lungo di circa 38-40 cm. NON STENDETELI A SALSICCIOTTO. Cercate di schiacciare e tirare, schiacciare e tirare…solo così saranno veramente friabili e rugosi. Schiacciateli…vedrete che si allungheranno e tirate…non fateli strappare ovviamente.

Ora dal bastoncino lungo 38-40 cm piegatelo a metà (otterrete un bastoncino su un altro con legati da una curva) e create una coroncina per ottenere il tarallo. E’ più difficile a dirsi che a farsi: ho dimenticato di farne una foto! mannaggia a me! ma su google ci sono molte foto in merito.

IMG_8308

IMG_8306

Eccoli pronti per essere infornati. Ricordate prima di infornare di inserire 3 mandorle per ogni tarallo. Daranno un tocco in più al vostro bellissimo tarallo napoletano

IMG_8309

IMG_8311

Cottura:
200°C per 15 minuti
160°C Per 15 minuti
140°C per 15 minuti.

Questo tipo di cottura vi permetterà di asciugare per bene i taralli ed ottenere la friabilità giusta. Vi accorgerete che sono pronti soprattutto per la colorazione scura che inizieranno a prendere. Chi li ha mangiati a Napoli si accorgerà subito se sono pronti. Profumo e colore sono inconfondibili.

Eccoli belli pronti e cotti

IMG_8330

Notate come sono rugosi e non lucidi e lisci

 

IMG_8337

Bene. Dopo questo post lunghissimo ho proprio bisogno di un tarallo e di un bel bicchiere di birra freddo….bon appetit!

Guido

Iscriviti ricevi la ricetta del nostro lievito madre!

Ti invieremo la ricetta del lievito madre con farine di qualità per un lievito pronto in pochi giorni e perfetto per panificazione e pizzeria!
Clicca sul pulsante e registra la tua mail. No. Non ti bombarderemo di pubblicità. Non è il nostro modo d’essere. Solo informazioni vantaggiose per te.

Corso preimpasti – Biga , Poolish e pasta di riporto

CORSO PREIMPASTI - BIGA POOLISH E PASTA DI RIPORTO - CORSO PRATICO - GLI IMPASTI INDIRETTI RAPPRESENTANO UNA GRANDISSIMA OPPORTUNITÀ PER TUTTI I PIZZAIOLI MODERNI CHE VOGLIONO MIGLIORARE IL PROPRIO PRODOTTO E DIFFERENZIARLO DAGLI ALTRI. DURANTE QUESTO CORSO...

Corso terorico pratico di pizzeria e gestione di una pizzeria d’asporto

Eccoci ! Il giorno LUNEDI 12/02/2018 si terrà un corso tecnico/pratico di pizzeria. Il corso ha lo scopo di approfondire le nozioni tecniche in merito alle basi del nostro lavoro: cosa sono i lieviti, come agiscono e come controllarli; cosa sono le farine , da cosa...

Corso Pasta Sfoglia, croissant e brioche italiana

Si è concluso il corso di Pasta sfoglia tenutosi presso il bed&green a Trecate. Location che ci garantisce sempre immersione nella natura anche se nel centro città. Il corso, come tutti i nostri corsi, è stato della serie "mani in pasta"  . E' la nostra filosofia....

Corso Colomba Pasquale e Corso di Panificazione

CORSO COLOMBA PASQUALE ARTIGIANALE FATTA IN CASA Sono veramente felice di informarvi di questo nuovo evento che terrò presso una bellissima villa sita in Trecate, il B&B Bed&Green, in Corso Roma 120. Il corso si terrà Domenica 18 Marzo 2018 dalle ore 10.30...

Corso tenuto presso “L’allegra cucina” a Novara. Serata all’insegna del pane

Si è concluso il primo di una serie di corsi che terremo a Novara presso il ristorante L'allegra Cucina. Serata divertente , tante nozioni ma anche mani che si sono divertite a di impastare. Buffet eccelso offerto da Monica, titolare e chef del ristorante. Le prossime...